Home page | Dico la mia | Contatti | Segnala | RSS
Partito Democratico Ravenna








    Organismi dirigenti

    Novità

    Link

    Galleria fotografica







Contro le dimissioni in bianco le donne PD lanciano una raccolta di firme

16 febbraio 2012

Pubblicato in: In evidenza

A sostegno dei disegni di legge già presentati al Senato




La Conferenza delle donne del Partito Democratico di Ravenna lancia una raccolta di firme per sollecitare il Governo a mettere in campo proposte per arginare il fenomeno delle dimissioni in bianco, raccogliendo anche l'appello fatto da un gruppo di Senatori del Pd.

Il testo dell'appello, ripreso poi nella raccolta firme, riporta dati allarmanti: "Il fenomeno delle dimissioni in bianco interessa circa 2 milioni di lavoratrici e lavoratori italiani, ma soprattutto le donne in età fertile in una percentuale del 60 per cento ed è diffuso su tutto il territorio nazionale. Per i datori di lavoro ricorrere a questo abuso, che rappresenta anche un modo per aggirare l'articolo 18 dello statuto dei lavoratori, è possibile  in quanto la norma che contrastava il fenomeno, introdotta nel nostro ordinamento durante il Governo Prodi con la legge 188/2007, è stata prontamente abrogata, a pochi mesi dalla sua entrata in vigore, dal Governo Berlusconi. Per le donne i motivi più frequenti dell'ingiustificato licenziamento sono la gravidanza o la nascita di un figlio, la malattia, l'età, nonché i rapporti con il sindacato."

Secondo quanto risulta dal Rapporto annuale 2011 dell'Istat  "Sono circa 800 mila, quasi il 9 per cento delle lavoratrici, le donne che, nel corso della loro vita, sono state licenziate  attraverso le dimissioni in bianco o perché in gravidanza. A subire più spesso questo trattamento sono le più giovani (il 13,1 per cento delle madri nate dopo il 1973), le residenti nel Mezzogiorno (10,5 per cento) e le donne con un titolo di studio basso (10,4 per cento), le donne che lavorano o lavoravano come operaie (11,8 per cento), quelle impiegate nell'industria (11,4 per cento)." C'è da aggiungere come, data anche la congiuntura critica in cui ci si trova dal punto di vista dell'occupazione, "tra le lavoratrici costrette a lasciare il lavoro in occasione o a seguito di una gravidanza, solo 4 su 10 hanno poi ripreso l'attività, solo 23 su 100 al Sud".

Poiché il Ministro Fornero ha più volte dichiarato di voler intervenire su questa grave situazione e da tempo sono stati assegnati alla Commissione Lavoro del Senato i ddl dei senatori Ichino e Nerozzi, appunto sul contrasto del fenomeno delle dimissioni in bianco, la Conferenza delle Donne del PD di Ravenna ha deciso di supportare queste istanze con una raccolta di firme da consegnare ai senatori del PD promotori di questa istanza.

Si può firmare nelle sedi comunali del PD o nei banchetti che verranno predisposti. Chi volesse invece contribuire alla raccolta delle firme può ritirare i moduli alla Federazione del PD di Ravenna (o richiederli all'email conferenzadonnepd@gmail.com).
Vanno riconsegnati possibilmente entro l'8 marzo 2012.

Per la Conferenza: le coordinatrici Mirella Dalfiume, Lisa Dradi, Elena Zannoni







Allegati
Il testo della petizione
Scarica il file »




la nostra pagina 
<br>    Facebook
la nostra pagina
Facebook
Sito ufficiale del Partito Democratico Emilia Romagna
Girafeste: scopri tutte le feste del PD dell'Emilia-Romagna


Informati



Agenda appuntamenti

« Aprile 2014 »
DoLu MaMe GiVe Sa
  1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30






Ricerca nel sito

ricerca nel sito per parola chiave



Partito Democratico Ravenna - viale della Lirica 11, 48124 Ravenna - C.F. 92067370392 -                                                 tel. 0544/281611 - fax 0544/281600 - e-mail: contatti@pdravenna.it   powered by Antherica Srl